Storia di Crescentino - Carnevale Di Crescentino

Vai ai contenuti

Menu principale:

LA STORIA DI CRESCENTINO dal 1242


Costruita nel 1242 dal Comune di Vercelli come borgofranco, la citta' di Crescentino sorge a ridosso della confluenza della Dora Baltea nel Po, sul territorio anticamente appartenuto all’abbazia benedettina di San Genuario. Il toponimo della citta' deriva dal nome proprio latino “Crescens”, particolarmente utilizzato dalle popolazioni Galliche nel Medioevo. Il tracciato originario aveva la forma di un quadrilatero irregolare, diviso a meta' da una via principale, a sua volta intersecata da tre contrade minori che ne caratterizzarono l’impianto urbanistico del centro storico. Caduta nel 1315 in potere della famiglia filo-imperiale dei Tizzoni, Crescentino ebbe un ruolo importante nello scacchiere del Po, fra Chivasso e Casale, come zona di confine tra il marchesato di Monferrato ed il Piemonte, soprattutto dopo il 1427, quando passò sotto i duchi di Savoia, i quali introdussero nuove fortificazioni e migliorarono il collegamento con la fortezza di Verrua, a difesa del transito fluviale e delle vie di comunicazione con Asti, Vercelli e Torino. Nel 1529, durante il conflitto franco-spagnolo, un gruppo di crescentinesi segretamente collegati con alcuni abitanti di Vische, paese del Canavese, insorsero contro la famiglia dei Tizzoni, sterminandola e dando alle fiamme il loro palazzo, ubicato fra la torre civica e l’attuale Municipio. Ma il definitivo affrancamento dal dominio signorile avvenne solo nel 1613, quando Carlo Emanuele di Savoia mosse guerra al Monferrato, scegliendo Crescentino come base delle sue operazioni militari. Il borgo subì poi gravi devastazioni in seguito agli assedi del 1625 e 1704 posti alla fortezza di Verrua. Le occupazioni militari paralizzarono l’economia e solo dopo il 1715 il comune iniziò la ricostruzione degli edifici civili e religiosi danneggiati.


L’incremento demografico produsse l’intensificazione del lavoro agricolo e del piccolo commercio. Risalgono a questo periodo, infatti, la trasformazione di alcune attività artigianali in piccole industrie, la realizzazione di varie botteghe con attivita' finalizzate soprattutto all’agricoltura, nonche' la formazione di cantieri di mastri da muro che operarono largamente nella zona. “Per la sua antica e ragguardevole qualità”, Crescentino ebbe il titolo di citta' con patente di Carlo Emanuele III nel 1762. Situata a circa una trentina di Km da Vercelli, Crescentino ha una superficie di 48,8 Kmq e un’altitudine di 155 mt. s.l.m. La cittadina è facilmente raggiungibile tramite l’autostrada A4, uscita casello di Borgo d'Ale per chi proviene da Est oppure all'uscita Chivasso Est per chi proviene da Torino, e la strada statale 31 bis che unisce anche grandi centri come Alessandria, Casale Monferrato e Chivasso. Gli abitanti di Crescentino superano oggi le 8.000 unità, suddivise in oltre 3.100 famiglie. Comuni limitrofi: Lamporo, Livorno Ferraris, Saluggia, Verolengo, Brusasco, Verrua Savoia, Moncestino, Fontanetto Po. Il C.A.P. di Crescentino è 13044 mentre il prefisso telefonico è lo 0161.








Torna ai contenuti | Torna al menu